I soldi dei crimali russi circolano tra i colossi bancari

The Guardian, noto quotidiano britannico che affronta diverse tipologie di argomenti, ha scoperchiato una sorta di vaso di Pandora che potrebbe cambiare completamente l’aspetto economico di tutto il mondo.
Secondo il quotidiano, infatti, diversi colossi bancari starebbero assumendo il ruolo di enti che altro non fanno se non riciclare ed utilizzare quello che viene definito come denaro sporco, frutto di una vasta campagna criminale che avviene in Russia ed in tantissime altre città europee.
I soldi dei criminali russi circolano tra i colossi bancari secondo The Guardian il quale non risparmia nemmeno il cugino del presidente Putin, il quale sarebbe coinvolto in questi loschi giri di denaro.
Egli è infatti un banchiere che potrebbe essere coinvolto in atti non leciti e che aiuta quindi il mondo della criminalità a conservare i suddetti soldi in alcuni degli enti bancari noti in tutto il mondo.

Le banche coinvolte nello scandalo

The Guardian non si è di certo a limitato a nominare il cugino di Putin: al contrario, invece, sono tantissime le banche che sono state identificate come sedi che permettono al denaro sporco di poter essere costantemente riciclato.
Tra di essi spiccano Barclays, Royal Bank of Scottland e Bank of America, che si sarebbero prestate in questo gioco anche se non è ben chiaro se volontariamente o meno.
Una situazione che sembra essere tesa come non mai visto che l’ammontare dei soldi dei criminali russi che circolano tra i colossi bancari è pari ad oltre venti miliardi di dollari.
Queste informazioni sono state fornite a The Guardian da parte di Organised Crime and Corruption Reporting Project, che ha deciso di rendere pubblici questi particolari giri criminali.
E nel frattempo dalla Russia Putin non ha voluto rilasciare alcun tipo di commento, cercando quindi di mantenersi come neutrale ed estraneo ai fatti.

Che origine hanno i soldi

Dal Cremlino al centro della Russia: sono queste le zone dalle quali provengono queste somme di denaro che risulta essere di origine criminale.
Mafia, piccole cosche ma anche giri di soldi illeciti di altra natura: sono queste le parole di The Guardian che ha deciso di rendere noto il giro di denaro strano che non fa altro che rendere maggiormente visibile il fatto che, le banche, vengono coinvolte in questo genere di operazioni.
Soldi che vengono conservati e ripuliti completamente mediante prestiti e transizioni varie: ecco come operano i criminali russi secondo The Guardian, riuscendo quindi a rendere normale il loro denaro.
I soldi dei criminali russi circolano tra i colossi bancari americani, inglesi ed europei: tale notizia potrebbe avere degli impatti sul resto dell’economia mondiale.

I soldi dei crimali russi circolano tra i colossi bancariultima modifica: 2017-03-30T12:02:18+02:00da tatibe
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento